Combattenti stranieri condannati, la surreale conversazione sulla tv russa: «Li impicchiamo o li squartiamo?»

.V. I. Surikov. Mattina dell’esecuzione del Sagittario. 1881. Olio Su Tela. 218 × 379 centimetri

Due cittadini britannici e un marocchino sono accusati di avere partecipato come “mercenari” nella guerra in Ucraina e ora sono stati condannati a morte a Donetsk

CorriereTv

(LaPresse) Sta facendo il giro del web l’ennesima surreale discussione andata in scena alla tv di stato russa.

Al centro del dibattito le sorti dei britannici Shaun Pinner e Aiden Aslin (e del marocchino Saadoun Brahim), accusati di avere partecipato al conflitto come “mercenari” delle formazioni armate ucraine.

In particolare, il presentatore Vladimir Solovyov e i suoi ospiti, discutono sulle modalità dell’esecuzione da riservare ai tre condannati: “Gli si potrebbe sparare, potrebbero essere impiccati, squartati o rilasciati dietro riscatto”, dicono in studio.

You May Also Like