Ucraina – Russia, le news dalla guerra oggi. Governatore: “Truppe si ritireranno da Severodonetsk”. Lavrov: “L'Occidente non consentirà agli ucraini di negoziare”

Il presidente ucraino Zelensky, dopo aver gioito per la decisione del Consiglio Ue di dare il via libera alla candidatura di Ucraina e Moldavia come membri dell’Unione, ha sottolineato in collegamento con il vertice quanto quella presa oggi sia “una delle decisioni più importanti per l’Ucraina in tutti i 30 anni di indipendenza del nostro Stato. Questa decisione però non è solo per l’Ucraina. Questo è il più grande passo per il rafforzamento dell’Europa che potrebbe essere compiuto proprio ora, quando la guerra mette alla prova la nostra capacità di preservare la libertà e l’unità”. 

Intanto gli Usa invieranno a Kiev altri 450 milioni di armi, compresi sistemi missilistici: lo ha annunciato la Casa Bianca confermando le anticipazioni dei media. Secondo quanto riferito da John Kirby, coordinatore della Comunicazione del Consiglio per la Sicurezza nazionale, il nuovo pacchetto comprende i sistemi lanciarazzi Himars (High Mobility Artillery Rocket System), il relativo munizionamento e imbarcazioni per il pattugliamento delle coste. Dal 24 febbraio, ha sottolineato Kirby, gli Usa hanno fornito all’Ucraina 6,1 miliardi di dollari di aiuti.

L’importante passo compiuto dall’Europa verso l’Ucraina e le nuove forniture di armi americane a Kiev vengono lette dal ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov come la conferma della dipendenza ucraina dall’Occidente e della sua perdità di sovranità. “Le potenze occidentali non le consentiranno di tornare al tavolo dei negoziati – , ha detto Lavrov in un’intervista rilasciata alla televisione di Stato della Bielorussia.

Mentre su Kaliningrad arrivano tiepidi segnali di distensione da Mosca. Il portavoce del Cremlino ha detto questa mattina che la risposta della Russia sarà “determinata ma non affrettata”. 

Guerra Ucraina – Russia: cosa c’è da sapere

08:18

Ucraina, governatore di Severodonetsk: “All’esercito ucraino è stato ordinato di ritirarsi in posizioni più fortificate”

All’esercito ucraino è stato ordinato di ritirarsi da Severodonetsk in posizioni più fortificate. Lo ha dichiarato Serhiy Haidai, capo dell’amministrazione militare regionale di Luhansk, secondo quanto riportato dall’agenzia ucraina Interfax. “Ora la situazione in cui le truppe si trovano – ha detto Haidai a Freedom TV – in posizioni disgregate da molti mesi, solo per essere lì, non ha senso. Il numero di morti nei territori non fortificati può aumentare ogni giorno. A Severodonetsk hanno già ricevuto l’ordine di ritirarsi in nuove posizioni fortificate e di combattere dalle nuove posizioni”.

08:12

Ucraina, sale a 338 il numero di bambini uccisi dall’inizio del conflitto

Sono 338 i bambini uccisi in Ucraina dal giorno dell’invasione russa del Paese lo scorso 24 Febbraio. 610 i feriti. Lo rende noto l’ufficio del Procuratore generale ucraino, precisando che il maggior numero delle vittime si registra nelle regioni di Donetsk, Kharkiv, Kiev e Chernihiv.

08:05

Russia, Peskov: “Su Kaliningrad siamo determinati ma no a decisioni affrettate”

“Non c’è bisogno di correre qui, ma, allo stesso tempo, siamo determinati”. Così il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, alla Tass, in merito al blocco dei trasporti di Kaliningrad. Ma, ha chiarito, “ci vorrà del tempo prima che vengano prese determinate decisioni”. “Stiamo analizzando questa situazione nel modo più serio”, ha assicurato Peskov specificando: “In questa situazione, abbiamo assolutamente ragione”.

(ansa)

07:48

Governatore: “Truppe si ritireranno da Severodonetsk”

 “Le truppe ucraine dovranno ritirarsi da Severodonetsk, c’è un ordine in tal senso”. Lo ha dichiarato il capo dell’amministrazione militare regionale di Lugansk, Sergey Gaidai, come riporta Ukraina 24.
“Non ha senso rimanere lì, il numero dei morti aumenta, si sposteranno in nuove postazioni fortificate”, ha spiegato Gaidai.

02:59

Sindaco di Mariupol: in città catastrofe epidemiologica

Mariupol è “sull’orlo di una catastrofe epidemiologica”. Lo ha riferito il sindaco Vadym Boychenko, secondo quanto riporta il Kyviv Independent. In città, ha spiegato, si stanno già diffondendo malattie infettive, tra le quali potrebbero esserci virus mortali come colera e dissenteria. Il Comune di Mariupol ha riferito che 9.000 tonnellate di rifiuti hanno invaso le strade e Mariupol è ora “un vero e proprio ghetto” dove le condizioni igieniche mettono a rischio la vita dei residenti rimasti.

02:12

Candidatura Ucraina in Ue, Kuleba: svolta da visita a Kiev di Draghi, Macron e Scholz

“La recente visita a Kiev di Macron, Draghi e Scholz, insieme con il premier romeno, è stata il punto di svolta per la candidatura dell’Ucraina nell’Unione Europea. Prima di allora la situazione era molto fragile”. Lo ha affermato il ministro degli Esteri ucraino, Dmitry Kuleba, come riportato dall’agenzia Unian.  “Il presidente francese Emmanuel Macron – ha aggiunto – ha svolto un ruolo molto importante. L’elenco degli scettici era noto da molto tempo: i Paesi Bassi, la Danimarca, la Svezia, il Portogallo. La Germania era in questo gruppo”.

00:33

Media, udite esplosioni a Zaporizhzhia
 

Esplosioni a Zaporizhzhia nella notte. Lo ha riferito il segretario del consiglio comunale della città ucraina Anatoliy Kurtev, citato dal Kiev Independent, che ha inviato i cittadini a rimanere nei rifugi. Poco prima della mezzanotte, riferisce il quotidiano ucraino, sarebbe stata attivata la sirena del raid aereo.

00:30

 Zelensky: “Italia a fianco di Kiev, grazie a Draghi per forza e perseveranza”

“L’Italia è al nostro fianco. Grazie mille, signor primo ministro! Grazie per la sua forza, per la sua perseveranza. Grazie per aver dimostrato che i principi delle persone perbene sono davvero il fondamento dell’Europa”. E’ quanto ha sottolineato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky parlando al Consiglio europeo dopo il sì dell’Ue alla candidatura ucraina. Zelensky ha ringraziato, uno ad uno, tutti e 27 i Paesi membri, secondo quanto si legge nel discorso pubblicato sul sito del governo ucraino.

00:03

Onu smentisce Lavrov su no a rotta Bielorussa per grano

Stefan Dujarric, portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, ha smentito, in una dichiarazione a Ria Novosti, le affermazioni odierne di Serghei Lavrov, che ha accusato Guterres di prolungare la crisi alimentare rifiutando le proposte di Mosca. “La rotta bielorussa per l’esportazione di grano dall’Ucraina è stata una delle prime opzioni proposte dal Segretario generale”, ha puntualizzato Dujarric, che ha poi negato che Guterres intenda sbloccare l’export di cereali ucraino prima di quello russo, come ha sostenuto Lavrov. “Il segretario generale ha sempre parlato di un pacchetto per le esportazioni dall’Ucraina e le esportazioni dalla Russia allo stesso tempo”, ha detto il portavoce.

00:02

Lavrov accusa il segretario generale Onu Guterres: “Prolunga crisi alimentare’

Il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, ha accusato il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, di prolungare la crisi alimentare respingendo le proposte di Mosca sull’esportazione di grano.
“Guterres sta cercando di risolvere i problemi dell’esportazione di grano dai porti ucraini senza tener conto dei corridoi che annunciamo quotidianamente”, ha affermato Lavrov in un’intervista alla televisione pubblica bielorussa, “questa situazione crea problemi a molti paesi in via di sviluppo”. “Il segretario generale delle Nazioni Unite, con le sue azioni, sta prolungando la crisi alimentare, rendendo impossibile l’invio rapido di grano lì. Questo è deplorevole”, ha proseguito il ministro degli Esteri russo, che ha inoltre attaccato Guterres per non aver preso in considerazione l’ipotesi di esportare via terra il grano ucraino attraverso la Bielorussia, “percorso meno costoso rispetto a passare per Polonia e Romania”.


Fonte: Ucraina - Russia, le news dalla guerra oggi. Governatore: "Truppe si ritireranno da Severodonetsk". Lavrov: "L'Occidente non consentirà agli ucraini di negoziare"

You May Also Like