Ucraina – Russia, le news dalla guerra oggi. Ripristinata l’elettricità alla centrale di Zaporizhzhia. I soldati di Putin in fuga, Kiev riconquista terreno. Ma Zelensky avverte: “Inverno sarà duro”

Il fronte russo nell’est dell’Ucraina ha ceduto e le forze ucraine hanno ripreso in un giorno solo le città di Kupyansk e di Izyum dopo un’avanzata molto rapida, che non è finita e si sta allargando ad altri settori del fronte. Vladimir Putin non ha solo perso in poche ore una località strategica, vanificando mesi di sanguinosi combattimenti, ma per la prima volta in assoluto le sue truppe sono andate completamente allo sbando. Ma il presidente ucraino è cauto. “Mosca spera di spezzare la resistenza ucraina in inverno, contando sui problemi di riscaldamento in Ucraina e su un possibile indebolimento del sostegno occidentale a Kiev a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia in Europa” ha detto Volodymyr Zelensky durante il “forum internazionale annuale di Yalta European Strategy (YES) svolto a Kiev.

La guerra in Ucraina, le tensioni globali: cosa c’è da sapere

Punti chiave

13:07

Funzionaro russo ammette: migliaia in fuga da Kharkiv

“Migliaia” di persone sono fuggite dalla regione di Kharkiv in Russia in 24 ore, lo dice un funzionario di Mosca.

12:44

Aiea, ripristinata elettricità alla centrale nucleare

L’Aiea sostiene che la linea elettrica di backup per la centrale nucleare di Zaporizhzhia è stata ristrutturata, fornendo l’impianto con l’elettricità esterna necessaria per il raffreddamento del reattore e altre funzioni di sicurezza.

(ansa)

12:28

Zelensky: “L’inverno può essere una svolta, ma sarà duro”

“Credo che questo inverno sia un punto di svolta e possa portare alla rapida disoccupazione dell’Ucraina”, ha detto Zelensky nei commenti a un forum politico pubblicato sul suo sito web. “Ma dobbiamo saperlo, sarà un iverno lungo e duro. Vediamo come (gli occupanti) stanno fuggendo in alcune direzioni. Se fossimo un po’ più forti con le armi, disoccuperemmo più velocemente”.

12:25

Mosca sostiene di aver sferrato attacco a Kharkiv, i media parlano di ritirata

La reazione di Mosca alla controffensiva ucraina. Le forze russe stanno colpendo le posizioni dell’esercito ucraino nella regione di Kharkiv con attacchi di precisione, secondo quanto affermato domenica dalle agenzie di stampa russe dal ministero della Difesa del Paese. Mentre i media ucraini parlano di ritirata delle truppe proprio dalla regione in cui Kiev sta avanzando e pubbllica video di mezzi abbandonati sul terreno

Kharkiv, le immagini dei mezzi abbandonati dai russi


11:26

Kiev avanza anche a nord

Non solo la rinconquista del fronte est e l’avanzata verso Sud. Secondo il capo di stato maggiore ucraino le truppe di Kiev stanno sfondando anche nord, entrando nella zona di Kharkiv.  “Ci sono 50 km per raggiungere il confine di stato (con la Russia)”, ha detto su Telegram il generale Valeriy Zaluzhnyi.

11:05

Il capo di Stato maggiore ucraino: “Riconquistati 3 mila chilometri quadrati di terreno”

Il capo di stato maggiore ucraino ha dichiarato che Kiev è riuscita a riconquistare 3 mila chilometri quadrati di terreno dall’inizio di settembre con la controffensiva contro le forze di Mosca.

(reuters)

09:44

L’Intelligence britannica: notevoli progressi ucraini anche nella regione di Kharkiv

Le forze ucraine hanno continuato a mettere a segno notevoli progressi nelle ultime 24 ore nella regione di Kharkiv (Est): lo scrive l’intelligence britannica nel suo aggiornamento quotidiano sulla situazione nel paese. Allo stesso tempo, prosegue il rapporto pubblicato oggi dal ministero della Difesa di Londra, la Russia ha probabilmente ritirato alcune unità dalla zona, ma i combattimenti proseguono attorno alle città strategiche di Kupiansk e Izyum. Il rapporto dell’intelligence parla poi delle esportazioni di grano dall’Ucraina smentendo l’affermazione fatta dal presidente russo Vladimir Putin il 7 settembre scorso, secondo cui solo 60.000 delle tonnellate di grano esportate da agosto sono state inviate a Paesi in via di sviluppo. Secondo i dati dell’Onu, sottolinea invece Londra, circa il 30% delle esportazioni è andato a paesi a reddito medio-basso in Africa, Medio Oriente e Asia. La Russia sta seguendo una strategia di disinformazione, conclude il rapporto, per sviare la colpa su questioni di insicurezza alimentare, screditare l’Ucraina e minimizzare l’opposizione all’invasione. 

08:35

Bombe russe nel sud, diversi feriti

Le forze russe hanno attaccato la notte scorsa le città di Dnipro, Nikopol e Mykolaiv nell’Ucraina meridionale provocando diversi feriti: lo hanno reso noto le autorità locali, secondo quanto riporta Ukrinform. Almeno nove persone sono rimaste ferite durante pesanti bombardamenti su Mykolaiv, ha scritto su Telegram il sindaco Oleksandr Sienkevych, sottolineando che alcuni edifici residenziali sono stati danneggiati. Da parte sua, il capo dell’Amministrazione militare regionale di Dnipropetrovsk, Valentyn Reznichenko, ha scritto su Telegram che un missile russo ha colpito il centro di Dnipro ferendo un uomo di 72 anni. Sempre nella notte, la città di Nikopol è stata colpita tre volte e due uomini e una donna sono rimasti feriti.

08:19

Kiev: 10 civili morti in attacchi russi nel Donetsk
 

“Il 10 settembre i russi hanno ucciso 10 civili nella regione di Donetsk: quattro – a Pokrovsk, tre – a Krasnohorivka, due – a Bakhmut e uno – a Raihorodok. Altre 19 persone sono rimaste ferite”. Lo annuncia Pavlo Kyrylenko, capo della regione di Donetsk Amministrazione militare, su Telegram. Come ha osservato Kyrylenko, è attualmente impossibile stabilire il numero esatto delle vittime a Mariupol e Volnovakha.

07:59

Spenta la centrale di Zaporizhzhia

La centrale nucleare di Zaporizhzhia è stata completamente spenta per motivi di sicurezza con l’arresto dell’ultimo reattore rimasto in attività. Lo rende noto l’operatore ucraino per l’energia nucleare, Energoatom.

07:43

Il leader ceceno Kadyrov, riprenderemo città perse da truppe russe

Il leader ceceno Ramzan Kadyrov ha promesso di riconquistare tutte le città perse dalla Russia in Ucraina nella direzione di Kharkiv. Lo riporta l’agenzia Ria Novosti. Ieri il ministero della Difesa russo ha riferito che le sue truppe a Balakleya e Izyum sono state raggruppate nella direzione di Donetsk “per raggiungere gli obiettivi dichiarati di un’operazione militare speciale per liberare il Donbass”. Sempre ieri, il capo filorusso dell’amministrazione statale regionale di Kharkiv, Vitaly Ganchev, ha reso noto che procede l’evacuazione dei civili dalle città di Izyum, Kupiansk e Balakleya, riconquistate dalle forze di Kiev. “Io, Ramzan Kadyrov, dichiaro ufficialmente che tutte queste città saranno riprese, la nostra gente è già lì, addestrata per fare questo lavoro. Raggiungeremo Odessa nel prossimo futuro”, afferma Kadyrov in un messaggio audio sul suo canale Telegram, prosegue Ria Novosti. “Non posso incolpare nessuno, perchè non capisco a fondo quale strategia sia stata sviluppata. Ma so una cosa: vincerà la Russia”, conclude il capo della Cecenia.

03:59

Zelensky, al momento negoziati con Russia impossibili

Al momento non sono possibili negoziati con la Russia per porre fine alla guerra in Ucraina. L’ha dichiarato il presidente ucraina Volodymyr Zelensky intervenuto alla 17esima riunione annuale di Yes (Strategia europea di Yalta), secondo quanto riporta l’agenzia ucraina Unia, citando l’Ufficio del capo di Stato. “Vogliamo porre fine alla guerra, ma lo spazio e le opportunità sono cambiati”, ha detto Zelensky, riferendosi ai russi come a “terroristi”. “Non c’è alcuna rassicurazione sul fatto che faranno quello che dicono di fare. Penso che non lo faranno.
Nessuno gli crede. Come si suol dire, non possono essere loro a stringere la mano”. “I russi non sono pronti ad ammettere di aver occupato il nostro Paese. Ciò significa che non ci sarà un dialogo sostanziale”, ha aggiunto il presidente ucraino. “Per poter aprire un corridoio diplomatico, devono mostrare volontà politica, essere pronti a restituire terra straniera”. Secondo il presidente ucraino, quello che verrà sarà “l’inverno più difficile del mondo intero” e “un punto di svolta nella liberazione dei territori ucraini occupati dalla Russia”.

01:07

Mosca: “Le nostre truppe si stanno solo riorganizzando”

“Le truppe russe si stanno riorganizzando nei pressi di Balakliya e Izyum”, nella regione di Kharkiv, “per aumentare gli sforzi in direzione di Donetsk, in modo da raggiungere gli obiettivi dell’operazione militare speciale di liberare il Donbass”. Lo afferma il ministero della Difesa di Mosca, citato da Interfax, dopo che le forze ucraine avevano rivendicato la riconquista delle due città, oltre che del centro logistico strategico di Kupiansk.

00:27

In corso battaglia per Lyman: “I russi resistono”

Si continua a combattere alla periferia di Lyman, località nella regione di Donetsk, a Sud Est di Izyum, che gli ucraini stanno cercando di riconquistare. Lo ha riferito a Suspilno il sindaco della città, Oleksandr Zhuravlyov.  “L’esercito russo sta ancora resistendo”, ha spiegato Zhuralyov, “la nostra bandiera non è ancora giunta. Dobbiamo aspettare un pò”.


Fonte: Ucraina - Russia, le news dalla guerra oggi. Ripristinata l'elettricità alla centrale di Zaporizhzhia. I soldati di Putin in fuga, Kiev riconquista terreno. Ma Zelensky avverte: "Inverno sarà duro"

You May Also Like